Insieme ai colleghi del PD abbiamo presentato una proposta di legge sui Parchi che ha come principale obiettivo quello di promuovere l’avvio di una nuova fase della politica regionale a favore della conservazione del patrimonio naturale e per la realizzazione del “Sistema regionale delle aree protette e dei siti della Rete Natura 2000”. Per raggiungere i risultati di un’efficace salvaguardia degli ambienti naturali e della piena valorizzazione dei territori interessati dalle aree protette, è indispensabile favorire innanzitutto lo sviluppo della partecipazione attiva e responsabile di tutti i soggetti istituzionali, sociali e culturali coinvolti, utilizzando i metodi della leale cooperazione istituzionale e della concertazione con le parti sociali, ma soprattutto rendendo le comunità residenti sempre di più protagoniste delle scelte gestionali delle aree protette stesse.

Attualmente, la legislazione regionale in questa materia è costituita da un insieme di provvedimenti varati in tempi tra di loro molto diversi, volti soprattutto alla istituzione dei singoli Parchi regionali. È sicuramente mancata, fino ad ora, la volontà di considerare nella sua globalità il tema delle aree protette, provocando una loro progressiva perdita di importanza ed escludendole dalle politiche regionali di uso del suolo, da quelle di tutela ambientale e, soprattutto, di sviluppo economico. La frammentarietà delle iniziative fino ad ora intraprese, che hanno affrontato separatamente le diverse forme di tutela (territoriale, paesaggistica, naturalistica ecc.) e le stesse tipologie di aree protette (Parchi, Riserve, Siti della Rete Natura 2000), ci consegna un panorama normativo regionale disorganico che non aiuta sicuramente ad impostare una seria e lungimirante politica che faccia delle aree protette della nostra Regione un elemento di arricchimento delle nostre peculiarità territoriali e, allo stesso tempo, un elemento distintivo e valoriale per accrescere l’immagine del Veneto in Italia e nel mondo.

Questa situazione, segnata dalla mancanza di una legge quadro regionale per la tutela e la valorizzazione delle aree protette, ci caratterizza purtroppo in negativo nello stesso panorama delle Regioni del nord Italia che, contrariamente a noi, sono tutte dotate di leggi organiche in questa materia; leggi che sono state varate, quasi ovunque, fin dalla seconda metà degli anni ottanta e quindi ben prima della legge quadro nazionale, la legge 394/1991.

Con la presente proposta di legge si intende, perciò, come prima cosa, colmare questo ritardo guardando alle più moderne acquisizioni scientifiche maturate nel campo della conservazione dei beni naturali a livello internazionale ed europeo.

Scarica la PDL Parchi del Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *